Press "Enter" to skip to content

Prolungamento M1 Sesto-Bettola: 9 anni per 1 Km

Dopo l’abbandono delle periferie, l’inutilità della mobilità alternativa – che ha portato alla realizzazione delle piste ciclabili – e relativo aumento dello smog anche senza auto, e dopo ben 9 anni tra fallimenti, intoppi burocratici e, ovviamente, emergenza Covid-19 limitatamente all’anno 2020, sembra ancora senza via d’uscita il tunnel di 1 chilometro legato al prolungamento della M1, la metro rossa che da Sesto San Giovanni dovrebbe arrivare fino a Bettola, al confine tra Monza e Cinisello Balsamo.

Ed ora è arrivata anche la diffida da parte del Comune di Sesto San Giovanni indirizzata direttamente al Comune di Milano e alla partecipata MM a fronte di un prolungamento nato come progetto che doveva essere pronto in vista dell’Expo 2015 e che sembra ora una storia infinita (vedi accordo sottoscritto il 09 dicembre 2009 (art.3)), nonostante i 5 milioni di versamenti del Comune di Sesto – sugli 8 previsti.

Il cantiere di Sesto San Giovanni – aperto ormai nove anni fa – è infatti ancora bloccato, con conseguente disagio per residenti e commercianti, che sinceramente parlando andrebbero risarciti. E in proposito è stato Antonio Lamiranda, Assessore del Comune di Sesto San Giovanni con deleghe alla pianificazione urbanistica e alla loro attuazione, alle politiche energetiche, alla mobilità, alle opere e ai lavori pubblici, ha espresso il suo disappunto con un lungo post su Facebook.

Sembra infatti che il Comune di Milano abbia deciso di partire – finalmente – il 15 gennaio, ma secondo i vertici di Sesto sembra che tale decisione non sia mai stata comunicata al Comune di Sesto. Oltretutto pare che il tavolo a cui avrebbe dovuto partecipare anche l’assessore del Comune di Milano, Marco Granelli, sia stato rimandato più volte e che a tale tavolo proprio l’assessore Granelli abbia fatto diverse assenze.

Insomma, sarà davvero il 15 gennaio 2021 la data di ripartenza dei lavori?

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.