Press "Enter" to skip to content

Piste ciclabili di Milano, Bolognini: ‘Ottimizzare progetto per ripresa economica’

L’Assessore di Regione Lombardia Stefano Bolognini si scaglia contro il Comune di Milano sulle piste ciclabili da Corso Venezia a Sesto San Giovanni.

Sono davvero inconcepibili le ultime scelte sulla mobilità e sui parcheggi del Comune di Milano. È necessario rivedere il progetto immediatamente, coinvolgendo le associazioni dei commercianti e i municipi, finora del tutto inascoltati ed esclusi dalla decisione.

Queste le parole di Bolognini, sempre più preoccupato per la ripartenza economica a causa di una drastica riduzione dei parcheggi.

La circolazione automobilistica fortemente ridotta su Corso Venezia e fra poco su Corso Buenos Aires, parcheggi quasi azzerati, inutili corridoi pedonali creeranno solo confusione e si bloccherà la circolazione delle auto creando caos e lunghe code. La ripartenza di negozi e attività lungo l’asse San Babila, Corso Venezia, Corso Buenos Aires sarà resa ancora più difficile, se non impossibile. Immaginare che dal 4 maggio la gente andrà a piedi dal centro di Milano a Sesto San Giovanni a fare spese, o forse addirittura usando carretti cinesi, è pura immaginazione, e temiamo che questi corridoi possano addirittura creare assembramenti pericolosi per la salute.

Conclude così il Commissario della Lega Milano. Ma come l’Assessore, anche Confcommercio contesta l’asse Corso Venezia-Baires.

Sosta complicata e ripresa economica difficile.

In proposito era intervenuto sul nostro sito anche Davide Soldani, coordinatore del Movimento dei Genitori di Milano.

Nel mio intervento lodavo certamente le piste ciclabili adibite per mezzi smart, ma è più che ovvio che i commercianti non debbano perdere fatturato da questa novità. Per questo motivo sostengo l’Assessore nel chiedere a Palazzo Marino di rivedere il progetto e ottimizzarlo a favore della ripresa economica. Ad esempio: in concomitanza alle piste ciclabili il Sindaco Sala avrebbe dovuto proporre ai negozianti su strada degli incentivi a fondo perduto per la trasformazione digitale.

One Comment

  1. Michele Michele 4 Maggio 2020

    Solo una giunta di sinistra può pensare queste cretinate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.