Movimento dei Genitori invia lettera a III Commissione Sanità Regione Lombardia: ‘Misura B1 diventi strutturale’

Il Movimento dei Genitori ha inviato una lettera alla III Commissione Permanente Sanità e Politiche Sociali per chiedere di rendere la Misura B1 strutturale, almeno fino a che non verrà data piena attuazione alla Legge Regionale n.15 del 2016 (art. 54) – “Disposizioni in materia di prevenzione, cura, riabilitazione delle persone affette da disturbi dello spettro autistico e della disabilità complessa, di sostegno e assistenza per le loro famiglie”.

Nel 2020 non è proponibile che ogni vigilia di Natale Regione Lombardia debba riunirsi per decidere quante risorse eliminare ai bambini con disabilità gravissima. I genitori e le persone che non possono difendersi meritano rispetto e di passare le feste -e il resto della loro esistenza- senza questo tipo di preoccupazioni.

Queste le parole di Davide Soldani, coordinatore del Movimento dei Genitori che ha già contattato la Presidenza del Consiglio informando della situazione lombarda e non esclude a breve di rivolgersi direttamente anche al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Nel documento i genitori chiedono anche l’eliminazione degli incostituzionali paletti relativi alla frequenza scolastica (per i minori) e al servizio diurno (per gli adulti). E l’aggiunta di almeno 27 milioni di euro da parte di Regione Lombardia per riportare la misura alle condizioni economiche del 2018, ossia ad almeno 900 euro per tutte le persone con disabilità gravissima che hanno accesso alla misura B1 come da D.M. 26 settembre 2016.

Viene inoltre richiesto di eliminare anche il riferimento all’ISEE ordinario come criterio di accesso alla misura completa -perché illegittimo e discriminante per i bambini con disabilità gravissima che non possono presentare ISEE sociosanitario (secondo la costituzione e in uno stato di diritto, una famiglia con minore con disabilità gravissima non dovrebbe essere discriminata sul reddito).

La lettera completa inviata alla III Commissione Permanente Sanità e Politiche Sociali e a tutti i membri della commissione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *