Press "Enter" to skip to content

Lombardia: introdotto paletto ISEE ai disabili gravissimi

Come già preventivato dal Movimento dei Genitori, la giunta leghista di Regione Lombardia ha inserito nuovi paletti nella nuova delibera riguardante la misura B1, come l’ISEE ordinario per i minori.

Per poter ricevere il contributo della misura B1, è infatti ora necessaria anche la valutazione della condizione economica del beneficiario: ISEE sociosanitario per gli adulti e quello ordinario per i minori.

Oltre ad associazioni e famiglie, in proposito è intervenuto anche Davide Soldani, coordinatore del Movimento dei Genitori.

Non ci aspettavamo diversamente dall’Assessore Bolognini, per questo motivo ci stavamo già organizzando per rivolgerci direttamente al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Rispetto al 2018 rimane quindi tagliato del 40% anche l’importo del contributo: 600 euro + un voucher praticamente inspendibile in quasi tutta la Lombardia. I fondi annunciati nei giorni scorsi dall’Assessorato derivano infatti dal fondo sanitario regionale e dovranno essere spesi solo in voucher, uno strumento che nel 2019 non ha assolutamente funzionato nel sostegno e nell’assistenza alle persone con disabilità.

E le famiglie si sentono sempre più prese in giro.

  1. Angelina Angelina 30 Marzo 2021

    BUONGIORNO, SONO LA MAMMA DI UNA BIMBA DISABILE DI 13 anni , queste regole non dovrebbero valere in quanto ai nostri ragazzi è stato tolto tutto anche la dignità alla vita stessa. Per sostenere un disabile oltre all’amore della famiglia servono tante oltre cose e queste cose cari signori che mettete paletti costano. Divrebbero passare qualche ora con la famiglia, provare con mano cosa significa assistenza. I genitori sì annientano per dare una vita decorosa al proprio caro. Cosa serve l’Isee? E se poi il valore dello stesso é alto perché dopo anni di battaglie cin avvocati si riesce ad avere un indennizzo per danno arrecato? Certo è che che questo pesa sul valore Isee , ma si sono chiesti che non esiste una legge Nazionale per decurtarlo. E spesso queste somme hanno il vincolo pupillare.Bisognerebbe vergognarsi cari ministri prima di agire per mettere leggi né corrette né dignitose verificate chi avete dinnanzi, se una persona non deambula , non parla non può afferrare neanche un oggetto ed ha bisogno di assistenza continua per lavarsi , andare in bagno….cosa dovete togliele …Controllate i furbi fate verifiche sullo stato di salute non sull’Isee perché quello che si ha sul conto corrente le famiglie oneste se lo sono sudate. Attuate leggi che ,anche se ci sono vedi le varie sentenze del Tar riguardo gli indennizzi e Isee , non possono e non sono state prese in considerazione dagli addetti al lavoro. Né il Caf nè l’Inps ci danno indicazioni perché voi che scrivete non vi siete accorti che manca un pezzo di legge… Cordiali saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.