Press "Enter" to skip to content

Governo al palo su legge elettorale, Meloni: ‘Chi governa sia scelto dai cittadini’

Secondo quanto appreso, la modifica dell’attuale legge elettorale è alla base del patto di governo tra il Movimento 5 Stelle e i democratici. Per ora, la riforma è ferma in commissione alla Camera e lo sblocco è una delle condizioni imposte dal Pd per dare il via libera al taglio dei parlamentari (anche se in realtà accadrà esattamente il contrario).

Ma avvenuto il taglio dei parlamentari che vede il SI di Fratelli d’Italia e Lega per uno snellimento della macchina e meno parlamentari e senatori a scaldare la poltrona a favore di quelli che invece l’Italia la vogliono cambiare davvero, il nodo rimane proprio la legge elettorale.

I sinistri vogliono (come al solito) un proporzionale con uno sbarramento del 5% (cosa che non piace neanche ad Italia Viva di Renzi) perché con un maggioritario rafforzato non avrebbero chance di vittoria contro la Lega e/o Fratelli d’Italia. Per questo pare proprio che il Governo Conte Bis (i 5 Stelle) stia prendendo le misure per arrivare ad una alleanza col PD e arrivare alla modifica della legge elettorale abbassando lo sbarramento al 4% o addirittura al 3% per far entrare anche i renziani e compagni.

In proposito, la proposta di Fratelli d’Italia dalla parte dei cittadini si articola nel tagliare la quota proporzionale dell’attuale legge elettorale, il Rosatellum, per avere la sera del voto una maggioranza che può esprimere il governo “scelto dai cittadini”. In più si andrebbe ad introdurre anche il premio di maggioranza, cioè se una coalizione arriva al 40% elegge il 50% dei parlamentari.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.