Press "Enter" to skip to content

Festa illegale di Halloween a Milano: 20 denunciati

Senza tenere conto delle misure restrittive del Governo per contenere la pandemia da Covid-19, hanno organizzato una costosa festa illegale di Halloween, che non poteva finire se non con l’arrivo dei carabinieri e con venti persone denunciate e sanzionate.

È accaduto a Milano, nella notte tra il 31 ottobre e il primo novembre, durante ‘coprifuoco’ imposto con l’ultimo DPCM di ottobre per cercare di contenere la seconda ondata del coronavirus.

A raccontarlo i carabinieri del nucleo radiomobile del Comando provinciale di Milano intervenuti in via Giovanni Battista Niccolini -zona chinatown- intorno all’una, a seguito della segnalazione dei vicini disturbati dal forte baccano proveniente da un appartamento di lusso della zona risultato completamente a soqquadro, e dove erano presenti ragazzi e ragazze tutti di età compresa tra i 18 e i 20 anni sprovvisti di mascherine.

L’abitazione, con addirittura una piscina e una sala cinema, era stata affittata per 2.500 euro dagli organizzatori della festa privata che facevano pagare gli ingressi come se fosse una discoteca, con tanto di consumazione di alcolici, di cui ne è stato constatato uno sconsiderato abuso da parte dei partecipanti, tanto da dover chiamare sul posto il personale del 118 per verificare le condizioni di alcuni ragazzi in forte stato di alterazione etilica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.