Press "Enter" to skip to content

Disabili, altra mazzata: ‘per ora’ niente pensione di invalidità a 780 euro

Dopo il recente taglio della misura B1 ai disabili gravi lombardi ‘che vanno a scuola o in un centro diurno, sono state molto dolorose per le persone con disabilità -e famiglie- le parole riportate da ANSA, soprattutto perché provengono da una persona con disabilità.

Sono infatti molte le persone fragili che sperano anno dopo anno, governo dopo governo di ottenere una pensione di invalidità che non sia inferiore alla soglia di povertà, ossia 780 euro.

‘Sicuramente 285 euro’ per la pensione di invalidità ‘sono una miseria’. Con un certo imbarazzo chiedo ai cittadini con disabilità e alle loro famiglie di avere ancora un po’ di pazienza, perché la misura è già colma.

È quanto dichiarato ad ANSA dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alla Famiglia e Disabilità, Vincenzo Zoccano, durante un Forum all’ANSA.

Dobbiamo far fronte a una congiuntura economica strana e sfavorevole, però noi una volontà ce l’abbiamo: di aumentare questi 285 euro e portarli pian pianino alla soglia dei 780 euro mensili.

Ma, da quanto appurato, serve ancora tempo: per ora priorità a pluridisabili e gravissimi.

Stiamo già lavorando con i ministri Di Maio e Tria per trovare la quadra e già entro quest’anno ci sarà un aumento significativo. I primi a beneficiarne saranno i pluridisabili e i gravissimi.

Zoccano chiedi quindi pazienza ma, d’altronde, non si può far altro che aspettare perché prima viene il reddito di cittadinanza. E la propaganda.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.