Press "Enter" to skip to content

Covid, RSA e RSD: risoluzione Baffi a sostegno strutture in Lombardia

Riceviamo a pubblichiamo altri emendamenti provenienti sempre dal Consigliere Regionale Patrizia Baffi di Italia Viva -questa volta a favore delle RSA e RSD- ma sempre inseriti nella proposta di risoluzione n. 34 “Misure di sostegno ai cittadini, alle famiglie, ai lavoratori colpiti dalla crisi per l’emergenza sanitaria causata dall’epidemia da Covid-19, nell’ambito dei settori di intervento di Regione Lombardia” iniziata oggi e che si concluderà con il voto in aula martedì 21 aprile.

RSA e RSD sono infatti state inserite in prima linea per combattere il coronavirus, esattamente come gli ospedali. Proprio per questo motivo la risoluzione Baffi chiede di sostenere queste strutture normalmente atte all’assistenza di anziani -per le RSA- e di persone con disabilità -per le RSD.

Servono aiuti concreti alle strutture che ospitano anziani e disabili, le categorie più fragili di questa emergenza: le istituzioni, a partire da Regione Lombardia, devono riconoscere e sostenere le RSA e le RSD, oggi in prima linea nella lotta al Covid 19, esattamente come gli ospedali.

Queste le parole di Patrizia Baffi, Consigliere Regionale di Italia Viva.

Nell’immediato servono provvedimenti specifici con garanzie economiche e finanziarie che impediscano il collasso di una parte così importante delle nostre comunità che crea valore sociale. Occorre garantire tempi e quantitativi sui test diagnostici disponibili e adeguatezza nella fornitura di presidi di protezione per tutti, come dei farmaci specifici necessari e che a volte si recuperano con fatica.

Su questo fronte la risoluzione Baffi chiede quindi che Regione Lombardia inizi a valutare le disponibilità economiche per il sostenere anche tali strutture -anche a livello informatico e tecnologico- proprio perché stanno svolgendo un compito troppo complicato per le attuali possibilità sia in termini di personale che di protezioni.

Link agli emendamenti:

  1. E.GnocchiE.Gnocchi 19 Aprile 2020

    Tutto bene ma insisto per riaprire Ospedale Codogno pronto soccorso e ridare i servizi all’ospedale….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.