Coronavirus, art 2045: possibile risarcimento dal Governo per lockdown

Un gruppo di 6 avvocati ha deciso di creare un comitato a difesa dei diritti dei cittadini italiani per riconoscere loro un risarcimento da danno causato dal lockdown deciso dallo Stato durante l’emergenza sanitaria da coronavirus grazie all’art. 2045 del codice civile. Ne ha parlato anche su Il Tempo l’avvocato Maria Grazia Masella del Foro di Roma, dove illustra l’iniziativa del un “Comitato per famiglie ed imprese colpite dal lockdown”. Ma noi l’abbiamo raggiunta privatamente via Facebook, in cui ha risposto ad alcune nostre domande essenziali.

Avvocato, come possono partecipare concretamente i cittadini?

Il Comitato ha istituito una linea dedicata cui chiamare per avere informazioni e consulti: basta chiamare il numero 335.5973038.

Di cosa si tratta esattamente?

Non sarà una class action, non può esserlo. Ma saranno domande giudiziali individuali. E il nostro staff -attualmente composto da 6 avvocati a cui se ne stanno aggiungendo molti altri- valuterà la posizione del richiedente per capire se ci possono essere gli estremi per proporre causa al Governo.

A livello invece economico, come funziona per il cittadino?

A breve pubblicheremo le linee guida: il consulto è gratuito per tutti, ma dopo la valutazione -e laddove si deciderà per incardinare una causa contro il Governo- il soggetto dovrà anticipare le spese legali e la prestazione professionale dell’avvocato. Tale prestazione professionale sarà però basata sui tariffari minimi e le modalità di pagamento possono variare caso per caso, da due a più tranches.

Partecipa alla discussione

  • Pietro

    Buongiorno, vivo all’estero, e non sono potuto rientrare in Italia, a causa del divieto del Covid 19, la cosa strana, e che sbarcavano clandestini ben accolti in Italia.
    vi sembra normale?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *