Fidanza

Carceri, Fidanza (FdI) visita San Vittore: ‘quasi 60% stranieri, vanno rimpatriati’


french text to speech

Oggi nella mia veste di parlamentare ho visitato il carcere di San Vittore a Milano. È stata l’occasione per fare gli auguri di buon anno agli agenti della Polizia Penitenziaria che lavorano in condizioni inaccettabili e per constatare una volta di più la necessità di espulsioni rapide per i tanti stranieri che compiono reati (a San Vittore gli stranieri detenuti raggiungono il 60%). Pungoleremo il Governo perché ai tanti proclami seguano finalmente i fatti.

È quanto scrive su Facebook l'on. Carlo Fidanza, deputato di Fratelli d'Italia in visita al carcere di San Vittore di Milano. Ma durante la visita, anche Fidanza non ha potuto non notare la presenza di una maggioranza di detenuti stranieri, che andrebbero subito rimpatriati per far scontare loro la pena nel proprio paese d'origine. In questo modo si risolverebbe il problema del sovraffollamento delle carceri e vi sarebbe un importante taglio di spesa che grava sulle casse pubbliche italiane.

Sovraffollamento delle carceri

Nel 2018 la popolazione carceraria complessiva italiana ha nuovamente raggiunto quota 60 mila, con una capienza complessiva di circa 50 mila unità. Vi è molta preoccupazione a riguardo, anche sulle condizioni di salute e igieniche dei detenuti.

San Vittore, uno dei più affollati

Le due carceri di Milano sono tra le più affollate: secondo i dati diffusi a settembre 2018 da parte del Ministero della Giustizia, il 2018 ha contato un aumento del 18% in più di detenuti per San Vittore e un +46% per il carcere di Opera, rispetto al 2017.

Aumento dei suicidi nelle carceri, e non solo

Aumento dei suicidi, crescita del sovraffollamento e carenza di terapia psicologica, ed una "riformina" dell'ordinamento penitenziario. Sono alcuni dei tratti salienti che hanno caratterizzato il 2018 del sistema carcerario italiano. Antigone (associazione “per i diritti e le garanzie nel sistema penale"), propone una riforma del sistema in quanto si sta tornando ai massimi storici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *