Autismo, l’86% dei caregiver in Lombardia sono donne


iSpeech

Una ricerca condotta su Facebook dal Movimento per l'Autismo su un campione di 3473 lombardi raggiunti sul social network di età compresa tra i 18 e oltre i 65 anni, ha evidenziato che in Lombardia l'86% dei caregiver o comunque persone interessate all'autismo sono donne di età compresa in particolar modo tra i 35 e oltre i 65 anni, mentre solo il 14% sono uomini di età compresa tra i 45 e gli oltre 65 anni.

Una fotografia tragica della situazione attuale in Lombardia che rivela ancora una volta quanto siano soprattutto le donne messe a dura prova da un enorme carico famigliare, che nella maggioranza dei casi non consente loro di tornare a lavorare e/o di avere una vita dignitosa e tranquilla a causa della mancata presa in carico da parte di Regione Lombardia.

Ma il quadro è ancora più drammatico quando si constata che il 55% delle donne caregiver ha età compresa tra i 55 e oltre i 65 anni e non ha ancora la minima idea riguardo il futuro del proprio figlio o figlia con autismo, o con altra disabilità complessa. E naturalmente si affidano alle limitate risorse che vengono proposte con la misura b1 o con la misura b2 attraverso il fondo del governo per la non autosufficienza (FNA).

Anche per questo motivo il Movimento per l'Autismo ha lanciato una petizione per la costituzione e l'attuazione del Fondo Unico per la Disabilità e relativa presa in carico, perché oltre ad esserci un grave problema di equità sociale per le persone più fragili esiste un conseguente grave problema di pari opportunità a partire proprio dalla giunta di maggioranza di Regione Lombardia.

Link diretto alla petizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *