Press "Enter" to skip to content

Adunata Alpini compie 100 anni, a maggio: via Padova imbrattata di scritte contro il corpo militare

Diverse scritte contro gli Alpini sono comparse la mattina del 30 gennaio in via Padova, a Milano. Con ogni probabilità, i murale verniciati di rosso sono stati realizzati nella la notte a partire dal civico 45, a un paio di chilometri di distanza dalla sezione Crescenzago degli Alpini.

Gli alpini stuprano e molestano. No al raduno.

È quanto si legge nei graffiti segnalati da Fabiola Minoletti, vicepresidente del coordinamento dei comitati milanesi che da anni monitora il fenomeno del graffitismo vandalico a Milano. Tali scritte si riferiscono alla storica adunata degli Alpini che quest’anno compie un secolo e che, per l’occasione, si terrà proprio sotto la Madonnina dal 10 al 12 maggio.

In via Padova sono comparse decine di scritte contro gli alpini in vista della storica adunata di maggio a Milano per i 100 anni di questo glorioso corpo militare di cui l’Italia deve andare fiera. La mamma degli imbecilli è sempre incinta: “Gli alpini stuprano e molestano, no al raduno”, queste le scritte sui muri di via Padova. Esprimendo solidarietà agli alpini, invito il Comune di Milano a ripulire questi vergognosi e inaccettabili insulti.

È quanto dichiarato da Silvia Sardone, consigliere regionale e comunale del Gruppo Misto.

Mi auguro che i graffitari vengano identificati e adeguatamente puniti. Così a occhio e croce non mi sentirei di escludere che i responsabili facciano parte di quell’area antagonista tanto coccolata dalla sinistra e sempre in prima linea nelle occupazioni abusive e nelle manifestazioni di piazza, visti i precedenti in altre città.

In proposito è intervenuto su Facebook anche Riccardo De Corato, assessore alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale di Regione Lombardia che ricorda che in quell’area ci sono due centri sociali, di cui uno storico -quello di viale Monza– e gli anarchici di via Esterle, zona via Padova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.